Chiamaci: +39 02 92.85.35.75
Seguici:

Blog

Per rimanere sempre informati

  • Home
  • inCOWORK
  • Blog
  • Freelance: le cattive abitudini da evitare assolutamente
  • Freelance: le cattive abitudini da evitare assolutamente

    Diventare freelance comporta tante opportunità, ma bisogna stabilire sin da subito alcune regole, per non cadere nelle cattive abitudini.

     

     Da una parte essere un freelance ti consente di avere la tanto agognata libertà professionale, dall’altra dovrai far fronte all’insicurezza economica (in quanto non avrai uno stipendio fisso ogni mese), insieme alle difficoltà di gestione organizzativa e burocratica.

     

    In realtà, tolte le difficoltà iniziali, bisogna sempre reagire in modo appropriato e positivo alle varie problematiche che si presenteranno, riuscendo ad evitare alcuni piccoli errori tipici dei freelance.

     

    Freelance: quali abitudini devi assolutamente evitare

    Prendere il tuo lavoro alla leggera

    Il passaggio da dipendente a lavoratore autonomo è sempre entusiasmante, ma il primo errore che può capitare di commettere è quello di prendersela troppo comoda, per poi ritrovarsi a fine giornata con un’enorme mole di lavoro accumulato da sbrigare e scadenze non rispettate.

    Essere freelance significa essere capo di te stesso e dipendente di ogni tuo singolo cliente, a cui devi la massima professionalità.

    Per questo è fondamentale definire sin da subito delle regole da rispettare per orari, pause e organizzazione del lavoro. Oltre a questo, ricorda che dovrai elaborare anche delle strategie di vendita, per trovare nuovi clienti o aggiornare il tuo portfolio.

    Ecco come prendere il tuo lavoro seriamente:

    • Elimina le distrazioni. Queste fanno solo perdere tempo e concentrazione, rendendo impossibile portare a termine un progetto. Stabilisci dei momenti precisi per controllare la posta elettronica e chiudi i social network
    • Compra un’agenda giornaliera in cui contrassegnare le attività da svolgere quotidianamente, ordinandole in base alle priorità
    • Task più leggere come backup, aggiornamenti e risposte alle e-mail dovrebbero essere gestite alla fine della giornata. Questa tipologia di attività richiede infatti un dispendio minore di energia e meno concentrazione rispetto a quelle principali.

      

    Non concederti del tempo per te

    Massacrarsi di lavoro, d’altra parte, non ha nemmeno senso: è inutile trascorrere tutta la tua giornata davanti al pc scrivania o saltare i pasti per poter lavorare di più.

    Un aspetto positivo dell’attività freelance è la possibilità di concederti degli spazi e poter, almeno per un po’, staccare la spina. Una pausa per un caffè o un gelato, poter scambiare due chiacchere con i coworker o leggere un buon libro. Le pause ci rendono sereni, appagati e più produttivi: approfittane!

     

    Accettare ogni lavoro che ti viene offerto

    Nessuno ti obbliga a dire di sì ad ogni offerta di lavoro che ti viene proposta: ricorda che sei tu che valuti, soppesi le opportunità (ore di lavoro e ricavi) e scegli se accettare un lavoro in più o meno.

    Anche se sei diventato freelance da poco e l’assenza di uno stipendio sicuro si fa sentire, non accettare ogni lavoro, a prescindere da quanto sarai pagato o da cosa si aspetta il tuo cliente. Valuta sempre le tempistiche richieste e gli altri progetti su cui stai già lavorando e sii pronto a declinare l’offerta se ti rendi conto che non puoi farcela.

    In caso contrario, dovrai rispondere di eventuali ritardi di consegna o di progetti mal realizzati. Per questo motivo è importante essere sempre onesto, riconoscendo i tuoi limiti.

     

    Non tutelare il tuo lavoro

    Questo è un principio cardine dell’attività freelance: tutelarsi con una scrittura privata, in cui descriverai tutto ciò che ha a che fare con il servizio offerto, i prezzi, le modalità di pagamento e i tempi di consegna, che verrà firmata da entrambe le parti.

    Anche se il prezzo del servizio viene accettato a voce, o tramite e-mail, invia sempre un preventivo ufficiale. Per ogni singolo progetto, anche con lo stesso cliente, stila un contratto contenente prezzo, lavoro da svolgere e tempi entro cui il lavoro sarà terminato e consegnato, anche se potrebbe sembrare una routine burocratica noiosa e inutile.

    Lo stesso deve accadere ogni qualvolta verrà richiesta una modifica o un lavoro aggiuntivo non preventivato. Scrivi una postilla e falla firmare al cliente: non svolgere mai lavoro extra senza essere in qualche modo tutelato.

     

    Smettere di studiare e migliorarti

    Le tecnologie vanno avanti, le tendenze cambiano, escono nuovi libri e nuovi modi per svolgere lo stesso lavoro: chi si ferma è perduto. Continuare a studiare, leggere e rimanere informati è dunque essenziale.

    Ritagliati quindi uno spazio per aggiornare costantemente le tue competenze: leggi libri o dai un’occhiata ai blog di settore o segui un tutorial. Insomma, cerca sempre modi migliori per fare quello che fai.

     

    Quali sono le tue abitudini da freelance che vorresti cambiare?

     


    Tags: freelance diventare freelance consigli freelance incowork stay incowork stayincowork

    Condividi il post:

    Iscriviti alla Newsletter

    Per rimanere sempre aggiornato sui nostri corsi, eventi e offerte

    Entra nel nostro network
    Contattaci
    • Indirizzo: via Lodovico Montegani, 23
      20141 - Milano (IT)
    • Tel: +39 02 92.85.35.75
    • Fax: +39 02 700.42.50.82
    • Email: info@incowork.it
    • Lunedì - Venerdì: 00:00 am - 24:00 pm
      Sabato - Domenica: 00:00 am - 24:00 pm
    Iscriviti alla newsletter
    Affiliazioni
    © 2022 - inCOWORK - Catalitic Srl - PI e CF 09355250961 - N° Rea MI 2084837 - Privacy Policy - Cookie Policy - Preferenze - Sviluppato da OnLime